Silvia Romano – Cappuccetto Verde vs Lupo Daltonico

Il momento che amo di più di Cappuccetto Rosso è quando la bimba si stupisce dell’aspetto della nonna. Che mani grandi hai… che occhi grandi hai… che bocca grande hai… E tuttavia, prima, sempre quel “Nonna…” Nonna indica un grado relazionale più che un’identità. Quando ti chiamo così ti definisco per ciò che sei rispettoContinua a leggere “Silvia Romano – Cappuccetto Verde vs Lupo Daltonico”

Il Cinevirus – Guida filmica alla quarantena

L’arrivo di un virus sconosciuto e il conseguente allarme sociale ci rimandano dritti alla ferita dell’invasione. Si alzano mascherine, si abbassano saracinesche. In ogni altro essere umano potrebbe annidarsi l’invasore e ognuno cerca di issarsi sul piolo più alto della scala mentre l’allagamento cresce. In questi giorni possiamo vedere attorno a noi e anche inContinua a leggere “Il Cinevirus – Guida filmica alla quarantena”

La velocità del suono (ovvero: perché ho smesso di pescare)

I fichi lungo la sterminata ciclabile che congiunge Arma di Taggia a Ospedaletti sono maturi. Rimangono da prendere quelli più alti, dove non si arriva. Più bassi e a portata di mano ci sono i fichi d’india, che non sa prendere quasi nessuno e difatti trionfano di strafottenza e colori. Mentre cammino da solo unaContinua a leggere “La velocità del suono (ovvero: perché ho smesso di pescare)”

La Penisola dei Famosi

Devo questo titolo all’amico e grande attore Tommaso Ragno, che cito e ringrazio per la meravigliosa intuizione. Dunque, pare che ci siamo. Cade questo Governo e si apre una prospettiva destrissima, mai tanto vicina alla dittatura da quando la dittatura c’era davvero. Quasi tutto il mio ambiente è preoccupato perché quasi tutto il mio ambienteContinua a leggere “La Penisola dei Famosi”