La Nigeriana

Nel primo pomeriggio scendo con Saphira. Facciamo un giro sotto casa, lungo il campo. Estrema periferia sud, a ridosso di un grande viale d’accesso alla città. Abbastanza aperto per il passaggio delle cicogne e dei germani. Qualche fagiano ogni tanto sbuca con voli brevi e tozzi dai cespugli di more e dagli alberi da fruttoContinua a leggere “La Nigeriana”

Silvia Romano – Cappuccetto Verde vs Lupo Daltonico

Il momento che amo di più di Cappuccetto Rosso è quando la bimba si stupisce dell’aspetto della nonna. Che mani grandi hai… che occhi grandi hai… che bocca grande hai… E tuttavia, prima, sempre quel “Nonna…” Nonna indica un grado relazionale più che un’identità. Quando ti chiamo così ti definisco per ciò che sei rispettoContinua a leggere “Silvia Romano – Cappuccetto Verde vs Lupo Daltonico”

Il Venerdì Santo del mondo

Aprile scocca un tramonto radente sui prati davanti alle mie finestre, rimbalza sul guard rail ai bordi dei campi e tinge d’arancio le mie pareti per circa mezz’ora. La periferia è il confine tra mondi e qui le strutture urbane se la giocano con i fagiani, le nutrie, i germani e gli aironi. Le lepri,Continua a leggere “Il Venerdì Santo del mondo”

Il Cinevirus – Guida filmica alla quarantena

L’arrivo di un virus sconosciuto e il conseguente allarme sociale ci rimandano dritti alla ferita dell’invasione. Si alzano mascherine, si abbassano saracinesche. In ogni altro essere umano potrebbe annidarsi l’invasore e ognuno cerca di issarsi sul piolo più alto della scala mentre l’allagamento cresce. In questi giorni possiamo vedere attorno a noi e anche inContinua a leggere “Il Cinevirus – Guida filmica alla quarantena”