search instagram arrow-down

Lo spunto di oggi – …questo invece è il discorso.

 

Sono stato molti anni in un guado professionale che non auguro a nessuno. Quello che si è spalancato quando ho capito che non aveva più senso fare un corto e non c’erano le forze per un lungo. Sei in una terra di nessuno, senza movimento e senza prospettive. Tutte le cose che vedi fare agli altri ti sembrano carine, qualcuna anche bella. Ma non sono quello che hai in mente tu. Poi ho fatto due conti. Te li fa fare la stanchezza. C’è una storia che amo. Voglio raccontarla. Ma non fa ridere e non fa nemmeno piangere. Raccontare questa storia sta significando per me capire perché la racconto. E’ sempre stato così. Ecco, presentare un progetto con queste parole a un produttore significa ucciderlo, perché le troppe risate a volte tirano brutti scherzi cardiorespiratori. Ho passato gli anni dei produttori, dei fondi, dei viaggi, degli incontri, delle telefonate. E sono finiti.

Di colpo mi è diventato chiaro che tutti questi tentativi erano figli della paura. Se un produttore non ti produce una storia, la giri senza produttore. Se costa troppo la trasformi. Devi farlo, l’alternativa è la morte di quello che sei veramente, cioè uno che racconta storie. Certe volte il no dei produttori è un alibi per non vedere che la tua storia non funziona veramente. Allora, come Lorenzo Bechi con Il talento del bianco, giri da solo. Ti togli dalla testa le aspettative, ti liberi dall’ossessione della sala a tutti i costi. Magari saranno festival magari neanche quelli ma non si può raccontare con l’angoscia di quello che succederà al film, bisogna amarlo e basta. Andare contro questo amore, disattendere questo amore è comunque avere fallito.

Attorno a questa convinzione si sono catalizzate alcune – poche – persone che insieme a me stanno percorrendo questa avventura. Sono il mio aiuto Marilena Mondati, l’operatore Antonio Morra e il giovanissimo producer Ivan Casagrande Conti. Poi ci sono amici attori e amici non attori che ci stanno accompagnando ognuno per un frammento di storia. Ci concedono il loro tempo, il loro talento, i loro spazi, il loro sapere e i loro volti. E questo film, di cui potete vedere un frame qui sopra, è cominciato. Naturalmente abbiamo bisogno di tantissimo, ma come per magia man mano che cerchiamo troviamo. Ci mancano ancora dei pezzi e altri ne scopriremo più avanti. Ma voglio mettere qui una lista di cose che magari a qualcuno che legge possono venire facili e che per noi sono difficili. Se qualcuno avesse voglia di percorrere con noi un piccolo tratto di strada… può mandare una mail, telefonare, scrivere qui sotto. So che bisognerebbe raccontare almeno qualcosa di questo film, ma in questo momento ci è necessario il silenzio. Non un silenzio di segretezza ma un’attenzione a proteggere ancora per un po’. Grazie di cuore a tutti e a tutti buon anno.

Location che cerchiamo:

– Cascina o casa vicino a Milano (ma se è lontana e idonea ci andiamo lo stesso) semi-abbandonata o temporaneamente disabitata.

– Appartamento a Milano, con una cucina aperta sul soggiorno.

– Appartamento piccolo di media borghesia, papabile per una giovane donna che lavora e vive sola.

– Una scuola guida.

– Un bar in cui poter girare all’interno.

– Una palestra non scolastica e con ampia sala – tipo sala danza.

– Appartamenti su piani alti o altissimi preferibilmente in centro a Milano – ma vanno bene anche decentrati – dai cui balconi o finestre poter girare riprese della città.

– Un ospedale disponibile per un’inquadratura di una corsia.

 

13 comments on “Lo spunto di oggi – …questo invece è il discorso.

  1. Marta s. ha detto:

    Non ho letto tutte le risposte ed é passato del tempo da quando hai pubblicato la lista. Potrei darti una mano con certi punti .. Se mi scrivi una mail ti racconto bene -ma a te é visibile il mio indirizzo?-

    Intanto stimo molto il tuo messaggio e lo condivido. Moralmente e non internettamente 😉

    Mi piace

  2. Gianluca ha detto:

    Ciao Giò,
    come sai non sono un ricco possidente di appartamenti né di ospedali e palestre. Ma sai che ci sono per qualunque altro supporto! Intanto diffonderò le tue ricerche
    un abbraccio

    Mi piace

  3. massimiliano ha detto:

    meraviglioso!!!!!!!sono ultrafelice! tutto il silenzio necessario per preteggere!

    Mi piace

  4. Alice ha detto:

    Ecco, un messaggio come questo avevo bisogno per iniziare il 2012.
    Grande!
    Dunque io ho una casa disordinatissima e piccola fuori Milano (Gaggiano) con cucina a vista.
    Se poi mi trovi anche chi se la compra mi fai un favore!
    La mia dolce metà lavora in una palestra, con sala danza e tutto quanto. Peró (ahimè)non è sua quindi se mi dici quando come dove provo a interessarmi!
    Un abbraccio!

    Mi piace

  5. philip ha detto:

    Ciao Giovanni, forse ho una soluzione per la cascina, in alessandria, mando le info a Stefano che mi ha passato l’informazione, buon tutto!!! Ciao ciao

    Mi piace

  6. liz ha detto:

    :)!!!
    baci
    liz

    Mi piace

  7. Ross ha detto:

    Se in qualche modo l’isola di Vernicefresca può aiutarti non devi far altro che chiamare… un abbraccio da tutti gli isolani!!!!!!
    in bocca al lupo mio caro!
    grande Giò bravo!
    grande sostegno da Avellino!

    Mi piace

  8. Luigi Tuveri ha detto:

    Grande Giovanni! Lo dico sempre a Paola. Sto pensando ai posti che ti servono … le location, seguo il tuo blog e se mi viene in mente qualcosa… …intanto ti sono, vi sono vicino. So che è poco, ma chissà. Ciao!

    Mi piace

  9. mauro ha detto:

    Penso che Davide, gran frequentatore di locali ( fa il PR da anni ) possa aiutarti a trovare il Bar, per la cascina semi abbandonata posso chiedere dalle mie parti.
    Una cosa non si capisce: i tempi, per quando devi avere a disposizione tutto questo?
    Sono già anchio in fibrillazione e non vedo l’ora….sentiamoci o come si dice fammi sapere.
    un abbraccio….Mauro

    Mi piace

  10. giovanni ha detto:

    Grazie di cuore a tutti quelli che stanno rispondendo qui e anche in mail. Ricontattiamo tutti. Un abbraccio.

    Mi piace

  11. Ale ha detto:

    Dunque casa con cucina a vista ce l’ho io (piccola) ma cedo che forse avete già trovato. e poi per casa in centro posso chiedere. Vi suggerisoc anche eventualmente di sfruttare questo pe rtrovare qualche fondo http://produzionidalbasso.com/comefunziona.html
    Poi se avete bisogno di attrici 😉
    Good luck!

    Mi piace

  12. Pasquale ha detto:

    Giovanni, sei un grande. Non ho nessuna delle cose di cui hai bisogno per il film, purtroppo. Ma, se può servire, hai tutto il mio sostegno morale e affettivo…

    Un abbraccio da Avellino,
    Pasquale

    Mi piace

  13. Anna ha detto:

    Finalmente. Finalmente. Finalmente.
    Sono anni che aspettiamo una mail così.
    Bravo Giovanni, bravo.
    Io e Stefano ti mettiamo a disposizione tutto quello che abbiamo.
    Una piccola casa in zona Città Studi, con la cucina aperta sul soggiorno.
    Ma abbiamo tanti amici, secondo me troviamo la casa in centro e pure la casa fuori città.
    La corsia d’ospedale non ce l’ho, anche se vado avanti e indietro dal San Carlo da fine dicembre, tutti i giorni. Il tuo amico dottore lo vedo sempre, mi è perfino simpatico. Magari lui…
    Stiamo tutti un po’ meglio, preoccupati del film e non di noi.
    Ma che bel messaggio che hai scritto, bravo te e bravi tutti quelli che ti aiutano!
    Anna

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: