search instagram arrow-down

Lo spunto di oggi – Carissima Alice…

Carissima Alice,

ho voluto mettere le tue parole sul mio blog perché non posso non riconoscervi una quantità di giorni e di persone che ho attraversato e incontrato. I tuoi sentimenti sono quelli di moltissima gente che ha lavorato e dato del suo meglio per molto tempo senza riuscire a vedere un ritorno congruente allo sforzo.

Poi vedo altro ancora. Vedo le facce dei furbi, quelli che hanno passato la giovinezza sotto i portici a fumare come dici tu. Li vedo passare avanti perché le corsie di sorpasso hanno regole ogni volta sorprendenti. Insomma: è uno schifo e lo sappiamo,  impossibile darti torto soprattutto se ti si conosce.

Però una libertà ce l’abbiamo ancora secondo me. Quella di dare alla situazione un significato accettabile per noi. Quest’operazione non cambierà le cose ma potrebbe cambiare il nostro essere vecchi e incazzati. Si tratta di non concedere a una situazione che ha il potere di cancellare tutto il lavoro che abbiamo fatto e che stiamo facendo,  anche il potere di cancellarci dentro.

Una distanza, se ci riusciamo, anche dal nostro legittimo risentimento. Prendo la tua storia perché dal mio punto di vista è esemplare. Hai fatto ogni passo, anche con grandi dolori, conquistato ogni centimetro. E oggi aspetti un figlio che nascerà a breve. Tutti i tuoi 30 anni sono il contesto storico che hai creato per te stessa. Quando uno di noi dice Alice sa una serie di cose. Questo contesto storico che è costituito di dolcezza, di serietà, di pulizia intellettuale, di affidabilità, è una poderosa costruzione fatta di tempo e di gradini saliti.

Questa costruzione che è Alice con quello che rappresenta, è il contesto in cui nasce tuo figlio. Non stare sotto i portici è servito. Non restare a guardare, non entrare come dici tu senza sporcarsi le mani nel mondo del lavoro, è servito. Tuo figlio nasce in un mondo di senso che nessun abbrutimento sociale può diminuire. Non concediamogli questo potere.

Ho letto che c’è un modo per conoscere se in fondo a noi ci sono desideri profondi o semplici pretese: se di fronte alla loro frustrazione proviamo dolore erano desideri, se proviamo stizza erano pretese. Non so quanto sia vero ma la tua rabbia – che non si può non trovare più che legittima – ti auguro di riuscire a trasformarla. Molti esponenti della gloriosa generazione del ’68 hanno rimproverato alla mia di non avere nessuna “rabbia”. E’ una cosa che non ho mai capito. Quasi che la rabbia fosse garanzia di efficacia, di intelligenza, di laboriosità.

Posso decidere che non amo lo stato delle cose e posso non conferirgli il potere di devastare anche la mia interiorità. Te lo scrive uno che è famoso per le sue insonnie ostinate, per i suoi momenti di sconforto e per la sua scarsa propensione all’ottimismo. E’ proprio perché non ne sono capace che lo auguro a te. Fare come le capre della foto. Imparare a camminare sui rami dei significati per andare a mangiare i suoi frutti più rarefatti e difficili. Imparare ad assegnare senso alle cose in modo che le cose non abbiano il potere di togliere senso a noi.

Mentre lo scrivo a te lo sto dicendo a me come ben immagini. Più divento vecchio e meno questa storia dell’incazzatura mi convince. La tua incazzatura è il primo successo di una realtà sfavorevole contro di te. Invece c’è un bambino in arrivo che nasce in una culla di affetto e di significato, con una madre che ha pagato tantissimo senza riuscire – al momento – ad avere quello che si meriterebbe. E che nonostante questo, sorride. Tanti auguri, Alice. Ti abbraccio.

5 comments on “Lo spunto di oggi – Carissima Alice…

  1. alice ha detto:

    certo, lo farò!
    a presto,
    alice

    Mi piace

  2. giovanni ha detto:

    “…su consiglio di max ho provato appunto a non buttare via in stizza tutta questa rabbia”.
    Nel consiglio di Max c’era già tutto. In Pietro c’è tutto. E’ l’essenziale. Il resto è cattiva televisione… ci farai sapere di Pietro su questo blog ? Ci contiamo tutti, Alice!! gio.

    Mi piace

  3. alice ha detto:

    Ti ringrazio per il regalo prezioso delle tue parole, giovanni.
    Ho scritto perché ero arrabbiata, molto, quel giorno, e su consiglio di max ho provato appunto a non buttare via in stizza tutta questa rabbia, ma a metterla in parole e mandarla fuori.
    Il punto era ed è, per me, non arrendersi e non farsi imbruttire e intossicare da un contorno che non sempre è come vorrei o come avrei sperato dieci anni fa.
    Pietro, che conosceremo a giorni, oltre ad essere il più bel regalo che potessi ricevere per i miei 30 anni, è la prova di tutto questo non arrendersi, e sicuramente il punto dal quale ripartire, grazie anche alle tue preziose parole.
    alice

    Mi piace

  4. elena ha detto:

    Appartengo alla generazione dei “colpevoli” che hanno prodotto questa situazione. Cosa dire a voi? Inventate qualcosa di completamente nuovo: i vostri figli, che sono deliziosi e hanno immensi orizzonti da esplorare, ve ne daranno la forza.
    Io chiedo perdono per me e per la mia generazione che non è stata capace di vedere oltre il proprio corto e personale tornaconto.
    Elena

    Mi piace

  5. massimiliano ha detto:

    vedi la stragrande differenza? io mi sono limitato a pubblicare la sua lettera. tu entri dentro a grandi profondità. grazie giovanni, e mi unisco agli auguri per ali!
    max

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: