search instagram arrow-down

Radiografie – The Social Network, di David Fincher

Una delle cose che ripeto più spesso, anche in questo piccolo spazio, è che una storia è sempre la storia di qualcuno. Quel qualcuno che assegna valore ai fatti e nel quale ci identifichiamo. Del quale assorbiamo le proiezioni e le emozioni, sicché la sua storia – per la durata del film – diventa anche la nostra. Quando sentiamo il sentire di un altro, si chiama empatia. Fare esperienza di un’esperienza che non è la nostra. L’ultimo film di Fincher sembra sfidare questo presupposto di funzionamento narrativo. Perché il mondo algido e livido che ci presenta non favorisce la nascita di alcun rapporto emotivo fra noi e i personaggi. E nemmeno fra un personaggio e l’altro. Alla fine non sai cosa speri. Non sai per chi fare il tifo. Non sai chi saresti all’interno della storia. Fondamentalmente perché l’interiorità dei personaggi è compressa e nascosta da qualche parte.

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: