search instagram arrow-down

Lo spunto di oggi – Buona estate


 



    Sospendo Atalanta per questo mese e mezzo d’estate. Un mese e mezzo in cui cercherò soprattutto il silenzio. Però mi piace – sia per via di Atalanta che viene rifiutata dal padre, sia per via della cosa in sé – condividere un’ultima storia prima di ritrovarci a settembre. Me l’ha raccontata un paio di mesi fa Maria Josè, una donna argentina di 40 anni, geniale danza-terapeuta ed erede designata di Maria Fux, la madre della danza-terapia.

    Siamo in autostrada e Maria mi racconta del lavoro che svolge in Argentina. E di un paziente in particolare, uno che ha una storia tutta sua. Lui è un fotografo. Sei anni fa viveva con una donna. Avevano una figlia di quasi due anni. A un certo punto, la madre precipitò in una depressione senza rimedio. Un giorno prese la bambina e la buttò dalla finestra.

    La bimba volò giù, ma nel suo tragitto senza speranza un albero la fermò  la salvò. La madre della bambina fu ricoverata e diagnosticata, e non è più uscita dagli ospedali psichiatrici. Lui rimase con questo fagottino da crescere. E man mano si sviluppava dentro di lui un’ossessione: ogni giorno fotografava l’albero che aveva salvato la figlia. Lo fece per moltissimo tempo. Ogni foglia, ogni ramo. Di giorno, di notte. Ma non gli bastava. Si mise a studiare quest’albero. Voleva sapere tutto: che pianta fosse, da dove provenisse. 

    Poi arrivò al dunque. Si trattava di un albero di origine irlandese, la cui radice del nome significa… padre.

Buone vacanze. Buon pensiero. Per me, buon silenzio.

5 comments on “Lo spunto di oggi – Buona estate

  1. Elena ha detto:

    A volte nella vita sembra di precipitare…poi miracolosamente un “albero” ci accoglie. Chiunque sia quell’albero, diventa un “padre” per noi, padre nel senso di uno che sta all’origine di una nascita o di una rinascita. Perché si può nascere tante volte, e anche rinascere, purché ci si lasci accogliere da braccia e mani (rami e foglie) che ci sembrano estranei, ma che in realtà sono strumenti di una paternità che viene in nostro soccorso. Persino “padri” possono essere i nostri figli, che hanno la forza delle gemme e il profumo dei fiori. Quella madre non ha capito che il suo albero era proprio sua figlia, perché era ed è malata; ma sua figlia, se lei avesse adagiato il proprio cuore sul suo, le avrebbe trasmesso la forza della vita.

    Mi piace

  2. jay ha detto:

    L’Albero Custode.

    Mi piace

  3. massimiliano ha detto:

    grazie giovanni, era proprio quello che cercavo. buon ‘nobile silenzio’

    Mi piace

  4. elisabetta ha detto:

    ma che bella storia.
    Liz

    Mi piace

  5. gigi ha detto:

    Verrebbe da dire..”incredibile”! Ma poi non è così vero che lo sia….Buone Vacanze giò!!

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: