Lo spunto di oggi – L’Atalanta, II beat


 



    “Ma Atalanta non era finita in un nido di aquilotti affamati. Quando l’aquila si era calata a ghermire la preda, attratta dal colore vivo della coperta, la cesta era già vuota. Un’orsa, prima dell’alba, era uscita in cerca di cibo per i suoi piccoli. Trovò la bimba addormentata, la raccolse tenendo le fasce tra i denti e la portò nella sua caverna. Questo è quello che raccontano gli antichi ed essi dovevano ben sapere come andarono le cose.

    Una folta pelliccia bruna l’aveva riscaldata quando aveva freddo. Aveva lottato per gioco con gli orsacchiotti, rotolandosi tra l’erba e le foglie. Aveva imparato con loro ad acquattarsi per sfuggire ai cacciatori, a riconoscere gli animali amici, a schivare le fiere nemiche. (…)

     Un giorno mentre scherzava con una lepre e l’acchiappava con le mani per metterle paura, udì il sibilo di una freccia e si gettò faccia a terra, immobile. Strano. I cacciatori non l’avevano mai colta di sorpresa, prima d’allora. (…) Una carezza le sfiorò dolcemente i capelli che le scendevano in disordine sulle spalle, ma non era la goffa e affettuosa zampa di mamma orsa. Questo fu l’incontro di Atalanta con Diana, dea della caccia e signora dei boschi. La fanciulla alzò gli occhi e quello che vide decise della sua vita.

    Vide una giovinetta vestita come un ragazzo, con la tunica corta al ginocchio. Anche i suoi capelli erano corti, un cespuglio selvaggio con cui il vento giocava liberamente. (…) Ma soprattutto, Atalanta vide l’arco che Diana reggeva in una mano, le frecce infilate nella faretra che portava sulla spalla seminuda.

    Vieni – disse Diana – farò di te una cacciatrice. Non c’era già più bisogno di dirlo. Voglio diventare come lei, aveva giurato Atalanta a se stessa. E senza nemmeno salutare l’orsa che le aveva fatto da madre seguì la dea.”

Qualche giorno per riflettere sul questo secondo beat…

 

Pubblicato da Giovanni

Mi chiamo Giovanni Covini. Faccio il filmaker e mi guadagno da vivere insegnando cinema. Nel 2006 ho vinto un David di Donatello e un Nastro d’Argento per Un Inguaribile Amore, documentario visibile attraverso il link sulla mia homepage. Nel 2012 ho pubblicato Le Ferite dell’Eroe, per Dino Audino Editore. Nel 2017 lavoro ad una docu-fiction sul rapporto fra Cristiani e Musulmani, attraverso il Romeo e Giulietta di Shakespeare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: