search instagram arrow-down

Lo spunto di oggi – Ricevo e condivido


 



    Ecco, sono felice di interrompere questo momento di assenza, perché ricevo e inoltro una mail di una certa forza. Credo che nel nostro impegno quotidiano di raccontare storie, non possa mai venir meno l’attenzione alla Storia. E anche se in questo momento ho solo il tempo per copiare e incollare, sono contento di condividere queste righe ricevute – come sempre – dall’amica Leila. 
 
    
In Gomorra, Saviano ci aveva avvertito che le case degli Abruzzesi erano piene di sabbia. Davvero toccante rileggere ora, dopo la tragedia in Abruzzo, le parole di Saviano nel libro “Gomorra”. Aprite a pagina 236 e leggete:
    “Io so e ho le prove. So come è stata costruita mezz’Italia. E più di mezza. Conosco le mani, le dita, i progetti. E la sabbia. La sabbia che ha tirato su palazzi e grattacieli. Quartieri, parchi, ville. A Castelvolturno nessuno dimentica le file infinite dei camion che depredavano il Volturno della sua sabbia. Camion in fila, che attraversavano le terre costeggiate da contadini che mai avevano visto questi mammut di ferro e gomma.
    Erano riusciti a rimanere, a resistere senza emigrare e sotto i loro occhi gli portavano via tutto. Ora quella sabbia è nelle pareti dei condomini abruzzesi, nei palazzi di Varese, Asiago, Genova.
    Indovinate da chi è stato costruito il nuovo ospedale dell’Aquila venuto giù come fosse di cartapesta? Impregilo! Si, sempre lei. La stessa che ha causato l’emergenza rifiuti a Napoli.
La stessa che è riuscita a incrementare esponenzialmente le spese per i lavori della TAV con i quali ha causato danni ambientali enormi. La stessa che lavora sulla Salerno-Reggio Calabria e proprio in questi giorni ha chiesto e ottenuto un prolungamento della consegna dei lavori di altri tre anni, ottenendo ovviamente altri fondi. La stessa che ha vinto l’appalto per la costruzione del Ponte di Messina. La stessa che dovrà costruire sul nostro territorio le centrali nucleari.
La stessa i cui vertici sono stati indagati a tutto spiano. E’ l’Impregilo che ha costruito l’ospedale San Salvatore dell’Aquila caduto come se fosse di cartapesta.
    Chi diavolo è questa società dell’enorme potere che sta devastando la nostra terra? Anche questa volta nessuno parlerà di lei? Anche questa volta la passerà liscia?”

PS: Se per qualcuno la prima fonte non fosse sufficiente segnalo che basta andare sul sito dell’Impregilo e ricercare “Ospedale” per leggere:
In questo settore IMPREGILO ha realizzato sia in Italia che all’estero importanti e moderni complessi ospedalieri che vengono di seguito dettagliati.

 
In Italia
 
• Ospedale di Lecco: 137.000 m2, 500.000 m3, 950 posti letto, 21 camere operatorie.
•Istituto Oncologico Europeo di Milano, struttura specialistica all’avanguardia per la diagnosi e cura dei tumori: 29.000 m2, 90.000 m3, 210 posti letto, 7 camere operatorie.
• Ospedale di Modena: 230.000 m2, 445.000 m3, 800 posti letto, 12 camere operatorie.
• Ospedale di Careggi, specialistico per la diagnosi e cura delle infezioni da HIV.
• Ospedale di Poggibonsi: 12.000 m2, 175.000 m3, 200 posti letto.
• Ospedale di Viareggio: 80.000 m2, 600 posti letto.
• Ospedale Destra Secchia: 28.000 m2, 450 posti letto.
 
Inoltre, ospedali a L’Aquila, Cerignola e Menaggio.
 
Oppure ricercare direttamente “San Salvatore” per leggere:
Tra le acquisizioni effettuate giova ricordare:
Autopista Oriente Poniente (Cile),
RSU Campania, Rio Chillon (Perù),
Ospedale St. David’s (Inghilterra),
Chattahoochee tunnel e
Laboratorio Fermi (Stati Uniti),
Strada Ebocha-Ndoni (Nigeria),
Ospedale San Salvatore (L’Aquila) e ristrutturazione Hyatt Hotel (Milano)

3 comments on “Lo spunto di oggi – Ricevo e condivido

  1. giovanni ha detto:

    Gentile Daniela, grazie per la visita e per aver guardato quel piccolo film. Quanto alle parole da virgolettare non so, so solo che parole di Covini non ce ne sono proprio, forse saranno dell’autore della mail che – come è scritto – ho solo ricevuto e condiviso. Grazie, e ripassi di qui ogni tanto. un caro saluto. giovannicovini

    Mi piace

  2. daniela ha detto:

    Forse bisogna ri-virgolettare la/le citazioni da Gomorra? Non credo che le frasi: “Indovinate da chi è stato costruito il nuovo ospedale dell’Aquila venuto giù come fosse di cartapesta? Impregilo! Si, sempre lei…” e più avanti: “E’ l’Impregilo che ha costruito l’ospedale San Salvatore dell’Aquila caduto come se fosse di cartapesta.” fossero contenute nel libro, come invece risulta dalla citazione. Quali sono le parole di Saviano e quali di Covini?
    Fra parentesi, ieri ho visto il suo Un inguaribile amore – che mi ha poi portato fin qui. Toccante, bravo!

    Mi piace

  3. massimiliano ha detto:

    è un tale avvilimento…..che stanchezza, caro giovanni.

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: