search instagram arrow-down

Lo spunto di oggi – Giovanna




      Prima di andare in ospedale ha lasciato dei biglietti sulla scrivania. Per ognuno dei componenti della famiglia. Biglietti nei quali ha raccontato la sua vita secondo lei. Sentiva che non sarebbe tornata e ha voluto salutare. Non so nulla del contenuto specifico di quei biglietti, ma mi sono bastate le parole di Gigi. “Ha scritto che ha vissuto per mio padre, che lui è stata la ragione della sua vita e che è contenta di aver vissuto così.” E mi basta quello che ne ha concluso lui. E cioè che quelle parole hanno cambiato il senso di quello che è successo, l’hanno reso quasi una festa. La mamma di Gigi, che è il musicista di tutti i miei lavori,  è morta consapevole, grata, contenta di come ha vissuto. E ha voluto dirlo.

       Queste parole lasciate sulla scrivania, trovate dopo che se n’era andata, mi hanno fatto pensare moltissimo. Non per il contenuto ovviamente, dato che non le ho lette, ma per il fatto che siano state scritte. Perché mi confermano qualcosa che sto cercando in questo periodo: il nesso tra il nostro raccontare e la consapevolezza che abbiamo di noi. 

       Una persona che ripercorre la propria memoria compie un processo di identificazione, costruisce la consapevolezza della propria identità, la rende possibile. Non c’è alcun fatto particolare da rivelare, e non credo ci siano rivelazioni eccezionali in quei biglietti. Ma c’è tutto uno sguardo, e lo sguardo – in queste occasioni diventa chiarissimo – assegna valore alle cose, le mette in fila per un verso o per il suo contrario.

       La cosa meravigliosa è che aiutando noi stessi a comprenderci, parlando a noi stessi di noi, aiutiamo anche gli altri a capire. Forse vivere è fondamentalmente rivivere, se un evento si compie autenticamente solo quando ne diventiamo consapevoli. C’è tutto l’arco di trasformazione del personaggio in questo percorso verso la chiarezza, tutti i tragitti degli eroi che attraversano i mari verso le loro Penelopi , per diventare alla fine eroi di se stessi, vincitori delle proprie paure, conquistatori di libertà interiori prima che liberatori di popoli.

       Quando le cose ci diventano chiare accadono miracoli. Non succede spesso. Nelle lacrime consuete in queste situazioni, Gigi aveva un sorriso per tutti. Ha stretto mani, abbracciato, fatto le smorfie che gli conosco da una vita quando intende dire andiamo avanti, o siamo sempre noi, siamo sempre qui. Gli si vedeva addosso la scia di una vita nitida, e perfettamente trasmessa.

       Ci siamo detti che ci ha lasciato una lezione, Giovanna. Fare. Quando diciamo fare, con Gigi non abbiamo bisogno di specificare il cosa. Non abbiamo mai parlato d’altro. Giovanna è stata una donna che ha fatto tantissimo, concreta e dinamica fino in fondo, come l’hanno definita i suoi amici. E lo ha reso chiaro e scolpito decidendo di raccontarlo per iscritto. Ciò che era davvero dietro a tutto quello che faceva. Ogni identità è un’eredità, forse. E visto che oggi è il compleanno di Gigi, mi viene da dire che ogni eredità è un futuro che comincia.

4 comments on “Lo spunto di oggi – Giovanna

  1. gigi ha detto:

    certo che ti leggo..

    Mi piace

  2. Paola Marcarini ha detto:

    Carissimo gio, mi è infinitamente piaciuto lo spunto. Questo è un dolore che mi spacca il cuore, la testa; ma voglio che questo dolore non rimanga sterile, voglio che produca qualcosa. Il ricordo è la sola forza che ho ora. Sul ricordo io e mia madre ci avevamo meditato molto, sulla nostra identità, sui rapporti umani che devono essere schietti, sinceri, privi di schematismi e formalismi. Mi dà conforto pensare a quante cose avessi in comune con lei, ma al tempo stesso mi struggo per essermene accorta solo ora..ho fatto un gran bel pezzo di strada insieme a lei e io vado avanti come lei, come vorrebbe lei. Un abbraccio gio e anche a te fratellino, se mi leggi.

    Mi piace

  3. gio ha detto:

    C’è chi scrive righe di parole e chi scrive righe di musica. la gratitudine come sai è reciproca. adesso bisogna fare. buon compleanno Gigi. gio.

    Mi piace

  4. gigi ha detto:

    Tu sai bene, giò, quale rapporto difficile io abbia avuto, e continui ad avere, con le parole (e con l’italiano ahimè!). Quindi semplicemente di abbraccio forte. Tuttavia non posso tacere a tutti che spero con tutto il cuore di poter continuare a camminarti di fianco, come un bambino che chiede al suo papà i “perchè”, i “cosa vuol dire questa cosa”; perchè solo tu hai questo straordinario dono, tutto tuo, di saper cogliere con un semplice sguardo il senso di un evento e nel contempo anche di restituirlo alle persone con una riga.
    La vita, la si capisce guardando indietro; la si vive guardando avanti.
    gigi

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: