search instagram arrow-down

Lo spunto di oggi – Quando capiamo

 

 

 

    Poi a un certo punto molliamo. Le resistenze dentro di noi, il nostro modo di condurre la vita, le nostre priorità, i nostri valori. La logica con la quale abbiamo sempre vissuto ritenendo che quella dovesse essere la via più giusta. Non avviene mai in modo indolore, non avviene mai senza traumi. Cambiamo quando  non possiamo farne a meno. Quando la vita ci costringe, facendo intorno a noi un fuoco di fila affinché ci rendiamo conto che dobbiamo modificarci.

    Di solito nessuno cambia se non c’è una ragione più che buona per farlo. Ma… quando alla fine capiamo, non c’è niente che possa fermare il nostro divorzio, la nostra storia d’amore, la nostra nuova identità, la nostra scelta di lavoro. Si chiama momento di illuminazione, e secondo gli americani si trova al mid point del secondo atto. Una persona arriva con le spalle al muro e non può far altro che svoltare. O svolta o muore.

    Vorrei fermarmi a considerare tutto quello che la vita fa al personaggio affinché arrivi al momento di illuminazione, momento che precede un lungo travaglio – ne parleremo – prima che il cambiamento sia autentico e completo. Se analizziamo cosa avviene normalmente a un personaggio in tutto il primo atto e fino alla metà del secondo (anche oltre per la verità) non troveremo altro che una serie di ostacoli. Ostacoli che tendono a scoraggiarlo, ostacoli che tendono a togliergli la stima in se stesso. Ostacoli più fini e sottili, che tendono a fargli credere che in fondo i suoi desideri siano rinunciabili e inessenziali.

    E’ il nostro personaggio contro la propria vita. In ogni ordine e grado di conflitti: viene discusso, messo sulla graticola, provato fino in fondo. Tutto affinché… arrivi a questo momento: l’illuminazione, il principio del suo cambiamento che sarà tutt’altro che facile quando dovrà confrontarsi, nella seconda metà del secondo atto, con la vita concreta e le difficoltà di sempre. Da questo  però traggo ogni volta la sensazione che gli ostacoli siano un atto d’amore della vita nei confronti del personaggio. Che il fine dell’avventura sia conoscere se stessi per ciò che c’è di intimamente nostro, specifico, unico in noi. In altre parole: conoscere il nostro vero nome.

    Poi però… capitano situazioni che difficilmente riusciamo a far rientrare in questo discorso. Giada ha seguito un paio di famiglie, un mese e mezzo fa, con bambini piccolissimi e già malati terminali. I genitori sono annichiliti. La vita si ferma, le parole smettono di avere senso. Succede una cosa molto grave: che l’ostacolo adesso è troppo forte, e anziché portare una persona a capire qualcosa di sé e del proprio cammino, la distrugge e la devasta, e Dio solo sa in che modo e se mai ritornerà a vivere.

    Che storia è questa ? Che ne direbbero gli americani con il loro mid point ? Se il mid point mi uccide, la storia è finita. Ed è finita male.  Non lo so. Scrivere è un’operazione da compiere con silenzio, con coraggio estremo e assoluta cautela, con umiltà e con spregiudicatezza. Scrivere è solo un modo per cercare di capire, è il contrario di spiegare. Ci sono storie che non si possono dire. Perché sono troppo, perché ridicolizzano ogni parola. Per ora sono qui. Le posso soltanto ascoltare…

     

2 comments on “Lo spunto di oggi – Quando capiamo

  1. Anna ha detto:

    Io invece ho cercato questa pagina. Proprio oggi, proprio ora.
    E ho trovato parole che mi raccontano un pezzetto della mia vita, proprio oggi, proprio ora.
    Alle coincidenze credo poco.
    Grazie, Gio’. E buona giornata.
    Anna

    Mi piace

  2. silvanella ha detto:

    …e oggi per me è una data importante…quella che segna il rombo della mia moto che scandisce il mio “aver svoltato” seguendo ciò che volevo realmente…ma per ragioni non chiere a me stessa…o forse perchè ragioni non c’erano…non sono riuscita a sentire prima…ma ora…riesco anche ad ascoltare quelle “storie che non si possono dire”, nei miei silenzi…ascolto il rumore….e in lontananza sento giungere più forte un rombo…viaggio libera con il vento che accarezza il mio viso…e una dolcissima sensazione mi attraversa il corpo con un brivido..e ritrovo tutto il mio mio amore nei suoi occhi….ed ogni parola è “troppo”…ma la sensazione no!!!!….

    Imbattutami in questo sito per caso…cercavo un’immagine di un tramonto….

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: