search instagram arrow-down

Radiografie – La guerra dei mondi, di Steven Spielberg – seconda parte

 

 

 

    Come il corpo della bimba espellerà la spina quando sarà pronto a farlo, così la terra espellerà gli alieni. Infiltrati sotto il terreno con le loro astronavi da milioni di anni, come infiltrata nella carne è la scheggia, vivranno il loro momento di conclamazione per poi morire. Torno indietro di qualche minuto. Siamo nel cuore della prima unità del primo atto. Tom Cruise torna a casa dal lavoro, dove lo attendono la ex moglie con il suo nuovo compagno, e i due figli che gli verranno affidati per questo imprevedibile week end.
Quando i due figli si trovano finalmente in casa del padre, cogliamo la loro relazione profonda: estranei. Non solo perché estranei fra loro come persone, ma perché reciprocamente estranei al proprio ruolo. Tom Cruise non ha nessuna intenzione di essere un padre, e loro possono casomai riconoscersi fratelli di quest’uomo così irresponsabile e immaturo. In altre parole: alieni.

    Il terzo livello narrativo si apre nel cuore di Cruise, con un meccanismo narrativo particolare. E’ nel giardino di casa e sta giocando con la palla da baseball insieme al figlio, che però non ha voglia di giocare con lui. Anzi, a dispetto del piano fisico di gioco, i due stanno litigando. Finché la cosa arriva a un picco, e il figlio lascia sfilare la palla che il padre gli ha lanciato facendola finire in piena finestra. Il ragazzo guarda Cruise con tono di sfida, divertito. E se ne va. La figlia piccola guarda il padre sconsolato e gli dice: “Così non lo conquisterai mai”. E’ la breccia aperta nel cuore del protagonista, che nel corso del primo atto spesso viene dichiarata da un altro personaggio, esce in un dialogo, in una battuta.
In altre parole. Il primo atto spesso è un tempo della vita nel quale il protagonista è inconsapevole del vero problema che ha dentro. Qualcuno prova a dirglielo ma lui non è in grado di capirlo. Siamo in grado noi, però, da fuori. E questo ci posiziona correttamente nel suo cammino intimo. Una specie di dichiarazione.

    Cruise seccato se ne va in casa, si chiude in camera, abbassa la tendina della finestra e si mette a dormire. Spielberg ci sta dicendo: è estraneo anche a se stesso, alieno al proprio cuore, che una bambina è in grado di conoscere e decifrare meglio di lui. E fa quello che fa un adolescente, non un adulto. Va in camera sua e si chiude dentro. Ecco chiuso il terzo cerchio narrativo che si effonde dalla storia principale.

    Del resto, non è forse vero che nella vita ci vengono dette delle cose di noi che non capiamo e che per gli altri, da fuori, sembrano chiarissime ?
Tuttavia, è vero che il film resta piccolo. Perché questo progetto così ponderato sui nessi tra storia principale e sottostorie non è sufficiente. In realtà la battaglia contro gli alieni è una lunga fuga tutta abbastanza uguale. Con alcuni momenti di inspiegabile ripetitività. Ma soprattutto perché l’assetto del film dovrebbe fluire in questo senso: la situazione esterna spinge Cruise a modificare qualcosa dentro di sé, il che lo porta a modificare le sue relazioni, il che lo porta ad essere finalmente in grado di risolvere il problema principale della storia.

    Ma gli eventi non vanno così, e alla chiusura del cerchio nella storia familiare e intima, non corrisponde una chiusura del cerchio nella storia principale. Dove si vince senza aver mai combattuto. E’ vero che il protagonista è cambiato, ma questo cambiamento non illumina la vicenda principale. C’è uno scollamento fatale tra le due cose, per cui tentare di introdurre una progressione psicologica all’interno di una battaglia spropositata tra umani e alieni non ha funzionato pienamente.

    Questo è il motivo per cui, credo, molti amici mi hanno detto male di questo film. Concordo con loro ma non nel senso che il film sia solo banale. E’ una scommessa ben condotta e difficile. Semplicemente non vinta fino in fondo.

4 comments on “Radiografie – La guerra dei mondi, di Steven Spielberg – seconda parte

  1. giovanni ha detto:

    Cara Michela sono assolutamente d’accordo con te. Credo che l’operazione di Spielberg sia stata politico economica. Semplicemente diciamo che anche quando compiono operazioni del genere, sono attenti alla scrittura di sceneggiatura e a quella più strettamente filmica in modo maniacale. E questo fa dei loro lavori – anche quando non funzionano, come in questo caso – sempre dei luoghi interessanti per una ragione o per l’altra. Grazie per essere passata di qui Michela ! gio.

    Mi piace

  2. michela ha detto:

    Sono appassionata di HG Wells. Rispetto alla versione del 1953 quella di Spielberg indubbiamente è più curata e anche le macchine da guerra dei marziani (o alieni) rispecchiano i modelli immaginati da Wells. Francamente poteva far di più o al limite perchè non trasporre fedelemente la novella Wellsiana? Sarebbe stato, per me un lavoro migliore e forse più originale.
    Cordiali Saluti
    Michela

    Mi piace

  3. giovanni ha detto:

    Grazie. Di cuore. giovanni.

    Mi piace

  4. Tonino ha detto:

    arrivo per caso nel tuo sito e mi ritrovo a leggere questo commento ad un film che avevo archiviato nell’oblio, nonostante sia di Spielberg. Le tue considerazioni sono per me una imprevedibile moviola: ripercorro i momenti del film di cui parli, li rivedo, alla luce della tua analisi. Ad un certo punto accade che – leggendoti – ritrovo me stesso nel personaggio di padre immaturo interpretato da Tom Cruise. Mi chiedo: questo Giovanni ha riscritto il senso del primo atto del film o a me era sfuggito qualcosa quando l’ho visto? Mai più avrei immaginato di voler tornare su questo film… mi hai fatto venir voglia di rivederlo. Sei bravo. Ami il cinema.

    Mi piace

Rispondi
Your email address will not be published. Required fields are marked *

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: